Torna a Eventi FPA

Programma congressuale - In aggiornamento

Torna alla home

  da 11:45 a 13:15

Hacking civico e smart citizen: chi abita la smart city? [ ws.02 ]

Sala: Sala 3

Iscriviti a questo evento

Più o meno spontaneamente, i residenti delle città, attraverso i loro mobile device, diventano miniera di informazioni utili agli operatori e alle amministrazioni. Ogni dato condiviso, ogni segnalazione e ogni movimento all’interno del tessuto urbano restituisce costantemente mappature dei fabbisogni e delle scelte effettuate attraverso l’interazione del cittadino-utente con le tecnologie. Questo elemento non può essere considerato parallelo al fenomeno di smart city, ma ne è parte integrante. I dati forniti dai cittadini come produttori di informazione è necessario che diventino beni comuni digitali (digital commons) non solo a livello locale, ma nella concezione generale di cittadino del futuro. Quali sono, quindi, le caratteristiche per diventare uno smart citizen? A quali esigenze risponde? Di chi sono i dati, una volta condivisi?

 

Programma dei lavori

Intervengono

Tempestini
Matteo Tempestini TerremotoCentroItalia - ItaliaAFuoco
Quaresima
Daria Quaresima Tecnico Gis e architetto per la pianificazione territoriale
Vitellio
Ilaria Vitellio Urban Planner - Mappina Biografia

Urban Planner. Si occupa da diversi anni di strumenti di governo del territorio, di politiche urbane e territoriali con particolare attenzione ai temi della costruzione multiattoriale di processi di rigenerazione urbana attraverso la sperimentazione di approcci quali il cultural plannig, community planning 2.0, neogeografia e open data. Ha svolto attività di docenza, consulenza professionale ed è pubblicista di saggi e articoli su riviste nazionali e internazionali. Componente di organi scientifici, collabora alla Biennale dello Spazio Pubblico e a Smart City Exhibition. Ideatore e coordinatore della ricerca Città Open Source che dissemina e ragiona sulle esperienze di innovazione sociale nei rigenerazione dello spazio pubblico attraverso il web 2.0. Ceo di MappiNa - Mappa Alternativa di Napoli, piattaforma di collaborative mapping e crowdsourcing urbano volta a costruire una immagine culturale della città fondandola sull'immaginazione pratica dei suoi abitanti e sulle possibilità di riuso di immobili e spazi abbandonati. 

Chiudi

Patruno
Vincenzo Patruno Associazione onData Biografia

Project Manager presso Istat e innovatore "Data Driven".  In Istat ho ricoperto vari incarichi legati alla diffusione e alla trasmissione dati, tra cui quello di coordinatore della task force su Open Data  che ha consentito all'Istituto di essere tra i primi soggetti pubblici a interagire con il mondo dei nuovi utilizzatori di dati: società civile, data journalist, civic hacker, startup innovative. Sono stato membro della seconda Commissione Nazionale sul Software Open Source e ho collaborato come esperto di diffusione, trasmissione dati e "data sharing" in numerosi progetti di cooperazione internazionale. Mi occupo essenzialmente di Open Data e Big Data. Svolgo attività di docente e di relatore in convegni e seminari su innovazione e trasformazione digitale..

Chiudi

Brunati
Matteo Brunati Civic hacker appassionato di Open Government, fondatore Spaghetti Open Data Biografia

Appassionato del Web sia a livello tecnico, che sociale. Supporter della Free Software Foundation, del movimento Creative Commons, di OKFN Italy e della divulgazione degli standard Web, in particolare quelli correlati al Web dei dati ( Linked Data ), grazie all'appartenenza ad IWA Italy. 

Corrispondente italiano della ePSI Platform (epsiplatform.eu) per la condivisione di pratiche e di metodologie legate al riuso del patrimonio informativo pubblico ( PSI ), e socio di Wikitalia per la promozione della pratiche legate al mondo dell'Open Gov.
 

Community Manager per Spaziodati srl (spaziodati.eu)

Chiudi

Torna alla home